Ambiente e Trekking

……..”Un paese di pianura per quanto sia bello, non lo fu mai ai miei occhi. Ho bisogno di torrenti, di rocce, di pini selvatici, di boschi neri, di montagne, di cammini dirupati ardui da salire e da discendere, di precipizi d’intorno che mi infondano molta paura”………. – Jean-Jacques Rosseau

 

NATURA

La scelta di vivere con la natura

Abbiamo la fortuna di vivere in un paesino di montagna, dove la natura la fa da padrona. ACQUAFONDATA è un paese di montagna, circondata dalla catena delle Mainarde. Qui si convive con una Natura bellissima, seguendone i ritmi dettati dalle stagioni.

Primavera, estate, autunno e inverno: il piccolo “Borgo di Acquafondata” offre paesaggi da favola in ogni periodo dell’anno. Passeggiando lungo le vallate, attraversando i sentieri, camminando lungo i tracciati dei suoi  boschi, si impara a conoscere la bellezza della  montagna, la magia del silenzio, la straordinaria sensazione di sentirsi un tutt’uno con la Natura. Le quattro stagioni sono molto diverse fra loro sulle montagne di Acquafondata.

L’estate è il periodo adatto per escursioni fino ad arrivare sulle cime mozzafiato. Le montagne sono facilmente accessibili. Stare a 1.400 metri sopra il livello del mare con un panorama a 360 gradi è una sensazione unica: apre la mente.

In autunno, la natura inizia a prepararsi per l’inverno e il paesaggio si illumina di rosso e giallo. L’aria fresca e i colori brillanti sono incantevoli. Questo è il periodo dei funghi, delle castagne, dei mirtilli, e della caccia.

L’inverno drappeggia il paesaggio con il suo candido manto bianco. L’inverno è la stagione più lunga nelle zone di montagna. Paesaggio di  fiaba in una cornice innevata. Si ascolta il rumore del silenzio.

Ma quando giunge la primavera, la natura torna rigogliosa, invogliando ancora una volta i visitatori a esplorare le montagne e le valli a piedi o in bicicletta.

 

—————————————————————————————-

Per chi in vacanza, intendesse rinunciare all’uso dell’automobile può farne a meno benissimo perchè questo piccolo “borgo” offre tante possibilità di escursioni e passeggiate a piedi. Intorno al paese scorrono dei bellissimi sentieri e mulattiere. Saremo accompagnati nel percorso dalla visione di querce e tigli secolari ci sentiremo parte integrante della natura vivendo in modo speciale e diretto con essa.

Acquafondata è un mix ottimale per godersi la natura dell’entroterra e le suggestive atmosfere dei paesi ciociari. Paese di antiche tradizioni Acquafondata è rinomata per la bellezza del suo paesaggio. Il paese si trova in una incantevole posizione incastonato in un ambiente in cui prevalgono piante di aceri, tigli, pini e castagni. Paese ideale per le famiglie con bambini.  Chi volesse soggiornarvi trovandosi a  contatto con gli abitanti del posto e con una natura incontaminata può farlo  affittando una casa o prenotando nei due alberghi del luogo (“Albergo del Lupo” o  “Albergo Vittoria”) o in alcuni  agriturismi nel paese.

 

 

paesaggio invernale

Con l’inizio della primavera Acquafondata esce dalla stagione invernale scrollandosi di dosso neve e freddo  partendo con un programma  che organizza la bella stagione. Si pregustano già le vacanze estive. E’ in questo luogo che si possono realizzare attraverso i soggiorni negli alberghi del luogo delle  intense “settimane verdi” per gli amanti del trekking in montagna. Si possono fare passeggiate a piedi o in bike immersi in una natura rilassante.  E’ in questo borgo montano che si possono godere nel periodo estivo, di afa delle grandi città, fresche temperature in piena estate. Circondati da montagne, nel silenzio di una natura da un verde esplosivo, ci ritroveremo  ad arricchirci di escursioni, degustazioni e serate animate nella piazza del paese o nei due  locali tipici di Acquafondata. Qui si cura e si  assaggia la tipica cucina ciociara.

 

 

paesaggio estivo

 

Ambiente di Acquafondata

 

Acquafondata è un mix ottimale per godersi la natura dell’entroterra e le suggestive atmosfere dei paesi ciociari. Paese di antiche tradizioni è rinomato per la bellezza del suo paesaggio circostante. Infatti, Acquafondata, si trova in una incantevole posizione incastonata in un ambiente in cui prevale la bellissima macchia mediterranea. L’ideale per le famiglie con i bambini. Per viversi il soggiorno a contatto con gli abitanti del posto, è perfetto affittare una casa o prenotare nei due alberghi del luogo (“Albergo del Lupo” o  “Albergo Vittoria”) o in alcuni  agriturismi nel paese sorti recentemente.

Acquafondata, situata al centro di una vallata, è posta a 946 m.s.l.m., su di un poggio dominato e circondato dai monti “la Monna” e “la Selva” . L’impatto con il paese è stupendo. Dopo una serie di curve in salita, per chi arriva da Cassino o da Venafro,  all’improvviso compare “il paesello”  arroccato su un cucuzzolo. Un piccolo presepe. Lo scenario sembra quello di un film.

 

I colori della natura

Visione incantevole anche per le montagne circostanti:

 

“LA MONNA” di Acquafondata (1.325 m.)

 

la Monna di Acquafondata

 

Acquafondata con lo sfondo delle due Monne

 

E’ una montagna dei Monti della Meta, nell’area meridionale delle Mainarde.

dislivello di 500 m./ tempo di salita 1.15 ore/tempo di discesa 1 ora.

Questo ripido itinerario conduce velocemente a un buon punto panoramico sul  versante meridionale delle Mainarde, sul Matese e sulla parte meridionale della Ciociaria. E’ possibile continuare per cresta in direzione Monna Casale, dalla quale si può scendere verso Casalcassinese o Cardito.

Da Acquafondata (946 m.) si segue per 1 km. circa la strada per Casalcassinese. Raggiunta la strada vicino al campo sportivo a sinistra si prosegue su una strada sterrata che costeggia un “fontanile” asciutto (vecchio lavatoio) ditigendosi verso monna Acquafondata. Dove la strada curva nettamente a destra (sud), si sale direttamente per un sentiero, passando accanto ad un edificio isolato. Poco oltre si raggiunge (1050 m.) la larga e spoglia cresta meridionale della montagna. La si segue direttamente per tracce e si arriva in cima (1.325 m., 1.30 ore). In discesa occorre 1 ora.

 

Questo suo ergersi come un’isola nel mare, ed essere visibile fin da molto lontano ha fatto sì che il Monte Monna, fosse da sempre considerato, da tutte le popolazioni che ci hanno preceduto, una montagna panoramica e sacra. Sulla sua vetta si erge una Croce di ferro alta circa 2 metri.

“LA SELVA”di Acquafondata

Pronti a riscoprire i colori e i profumi delle montagne di Acquafondata. Armati di scarponi e zaino in spalla, si possono percorrere i sentieri più belli della nostra terra sotto il tiepido sole di una montagna ricca di vegetazione. Affascinante escursione da fare a piedi lungo i sentieri del monte “La selva”, nel pieno risveglio della natura e dei suoi colori sgargianti. Una volta arrivati sulla vetta comparirà la Cappella dedicata a S. Antonino patrono di Viticuso. Probabilmente fu proprio sulla cima di questa verde montagna che si insediarono nell’anno 1003 i primi abitanti del circondario. Costuirono  sul versante di Viticuso una chiesa e una casa.

 

“la Selva e le sue tre piccole gobbe”

LA “MONNA” DI CASALCASSINESE (1.395 m.)

A Casalcassinese domina ed emerge l’altra montagna detta la “Monna Casale”, alta 1.395 m.sl.m.. Simbolo del paese. E’ una montagna dei Monti della Meta, nell’area meridionale delle Mainarde. Anticamente la montagna si chiamava”de Sile” ed era il luogo di passaggio e stazionamento del bestiame.

Nei pressi della frazione di Casalcassinese si trovano le sorgenti de torrente Rava, che scorre verso sud-est, in direzione di Pozzilli nel Molise, prima di confluire nel fiume San Bartolomeo.

Sentiero 7: Acquafondata –Monna di Casale :- Dislivello: (da 912 a 1404m s.l.m.) 492m – Lunghezza: circa 6,4 km – Durata: 150 minuti ca. percorrendo il primo tratto in auto (circa 2km). – Grado di difficoltà: medio – alto, – Classificazione CAI: E

E – ESCURSIONISTICO Gli itinerari così classificati costituiscono i percorsi escursionistici più numerosi e diffusi. Vi sono compresi gli itinerari anche lunghi che si svolgono su sentieri o tracce, generalmente segnalati, ma di maggior impegno fisico e di orientamento. Si snodano su terreno vario (boschi, pascoli, ghiaioni, ecc..) o su terreno aperto ma non problematico, ma con segnalazione adeguata, e possono esservi brevi tratti con neve, facili e non pericolosi in caso di scivolata. Sono escursioni che possono svolgersi su pendii ripidi, anche con brevi tratti esposti. Questi sono per ben protetti (barriere, reti) o attrezzati (cavi, brevi scalette, pioli) e non richiedono l’uso di attrezzatura alpinistica. Questi itinerari richiedono una certa abitudine a camminare in montagna, sia come allenamento che come capacità d’orientamento. Occorre avere un equipaggiamento adeguato. Costituiscono la maggioranza dei percorsi escursionistici che si snodano in montagna.

 

MONTAGNE/SENTIERI DI ACQUAFONDATA

 

Camminare ad Acquafondata

Panorami unici, spettacoli naturali mozzafiato, escursioni per tutti i gusti.

Vi invitiamo ad esplorare la ricchezza e la varietà dei nostri dintorni  incamminandovi su uno dei tanti itinerari che troverete  nelle tranquille e soleggiate passeggiate, nelle escursioni verso  le montagne vicine.  Se durante le Vostre escursioni amate essere accompagnati da una persona esperta che vi sappia raccontare dei monti e della natura, della cultura e delle tradizioni locali vi proponiamo di partecipare alle gite con guide locali.

 

prato lungo piccolo

E’ facile a volte nelle passegiate, nei viottoli di campagna  di Acquafondata, incontrare dei greggi di pecore che brucano l’erba.

Paese di funghi

 

ad agosto si prepara il cibo per l’inverno per gli animali

 

sulle montagne di Acquafondata

TREKKING

Se non conoscete bene la zona fatevi guidare da un “accompagnatore di montagna”. Questa figura assicurerà alla vostra gita sicurezza e vi farà scoprire luoghi dove magari non sareste mai andati.

 

 

…”Camminare per me significa entrare nella natura. Ed è per questo che cammino lentamente, non corro quasi mai. La natura per me è un campo da ginnastica. io vado per vedere, per sentire, con tutti i miei sensi. Così il mio spirito entra negli alberi, nei prati, nei fiori. Le alte montagne sono per me il sentimento.”…  -Reinhold Messner

 

“L’escursionismo è una forma di attività motoria basata sul camminare nel territorio, sia lungo percorsi (strade,sentieri, ecc.), anche variamente attrezzati, che liberamente, al di fuori di percorsi fissi. Spesso, derivando il termine dalla lingua inglese, viene indicato anche con trekking o hiking. Il primo termine deriva dal verbo inglese to trek, che significa camminare lentamente o anche fare un lungo viaggio. Il secondo deriva dal verbo inglese to hike, che significa camminare”.

Ad Acquafondata negli ultimi anni si è sviluppata una rete di solidarietà ed amore verso questa bellissima disciplina. E’ facile vedere gruppi di escursionisti partecipare a passeggiate lungo i sentieri non battuti dagli escursionisti di professione. L’amore per la natura ha contribuito a far conoscere i bellissimi luoghi che circondano il paese.

Grazie alle guide locali, Carlo e Vincenzo, molti escurzionisti possono ammirare le bellezze di questi paesaggi incontaminati. Sentieri accessibili a tutti.

Gli itinerari sono di livello turistico o turistico-escursionistico: sono quindi accessibili a tutti; solo per alcune escursioni è necessario un po’ più di allenamento.

 

Le  escursioni  sulle montagne di  Acquafondata vengono realizzate spesso  in collaborazione con delle guide locali. Sono uscite a piedi per tutta la famiglia, che consigliamo anche per i ragazzi, che possono così sviluppare la conoscenza degli elementi della natura e l’educazione ambientale. E’ consigliato un equipaggiamento adatto: scarpe da trekking con suola scolpita, abbigliamento comodo ed a strati, mantellina antipioggia, pranzo al sacco e scorta d’acqua.

Dopo le passeggiate è bello fare un barbecue  insieme. Acquafondata si presta a queste avventure.

——————————————————————————————————————

Passeggiate a cavallo ad Acquafondata

È la tua opportunità di visitare in modo unico ed originale  i dintorni di Acquafondata

Conoscerai le sue bellezze da un punto di vista diverso ed ogni volta emozionante. Immergiti nella natura incontaminata attraverso i percorsi proposti dalle strutture specializzate nell’ospitalità dei cavalli e dei loro accompagnatori. Una struttura  si trova al bivio di Cardito salendo verso Acquafondata.

E non preoccuparti se non sei un abile cavaliere o amazzone: la struttura ti saprà offrire l’assistenza necessaria.

La bicicletta ad Acquafondata: Mountain bike

Scopri  i dintorni di Acquafondata  in mountain bike.

Pedalando alla scoperta di una terra unica

Acquafondata  custodisce una natura magica, che indossa abiti diversi ad ogni nuovo sguardo. I percorsi per mountain bike corrono lungo la dorsale della montagna che attraversa la pineta che da Vallerotonda porta ad Acquafondata.  La Mountain Bike permette di avvicinarsi ad angoli del nostro Comune che vengono ignorati normalmente dall’escursionista e che non possono di certo essere visitati dal turista automobilista, causa l’impraticabilità delle strade.

 

Per i viottoli  di Acquafondata si può ritrovare il gusto di pedalare assorbendo con lo sguardo e con l’anima  la natura circostante. In sella si trovano benessere e relax. Si pedala  principalmente per svago  usando  la bici soprattutto durante la bella stagione. Viaggiare a pedali è dunque un modo di muoversi per un’anima salutista che ha rispetto  per l’ambiente. La bicicletta ha soprattutto il merito di mantenere in forma e in buona salute. Pedalare rilassa e trasmette benessere interiore, aiuta a fare una vita meno sedentaria, a stare in forma con gusto e in modo piacevole.

 

————————————————————————–

 

Monti della Meta

 

I Monti della Meta sono una piccola catena montuosa nella zona al confine tra Lazio, Abruzzo e Molise; prendono il nome dalla cima più affascinante e appariscente, il monte Meta. Le montagne più alte (Monte Petroso 2247 s.l.m., Monte Cavallo 2039 s.l.m., Monte Mare 2020 s.l.m.) presentano vistose tracce di glacialismo quaternario.

Le Mainarde sono i rilievi più bassi dello stesso massiccio, al confine tra Lazio e Molise sono storicamente detti Mainarde; sono le montagne in cui la presenza dell’uomo per il clima meno rigido era stanziale (abitazioni e coltivi in quota) e non stagionale e pastorale come per i Monti della Meta.

Non è definito un confine geologico preciso tra le due catene montuose: è certo solo che le Mainarde non rientrano nel territorio regionale dell’Abruzzo, ma molti le ritengono del Molise. L’uso tradizionale dell’oronimo è riproposto nelle carte dell’Istituto Geografico Militare che lo applica ai rilievi più esterni dei Monti della Meta, quelli che dal Monte Cavallo e dal Monte Mare degradano progressivamente verso Vallerotonda (FR) e la valle del fiume Rapido-Gari e verso Scapoli (IS) e Filignano (IS) e la valle del fiume Volturno.